Sentenze

L'usurarietà del tasso di mora determina la totale gratuità del mutuo

Due recentissime sentenze - la n.287 del  20.04.2018 emessa dal Tribunale di Ferrara e la n.234 del 14.05.2018 emessa dal Tribunale di Rieti - hanno avallato il principio, rinvenibile nell'ordinanza n.23192 della Cassazione (su questo sito), secondo cui l'usurarietà del tasso di interesse moratorio determina la totale gratuità del mutuo.

commenti (0)

Superamento del limite di finanziabilità nei contratti di mutuo fondiario

Con sentenza n.6586 del 16.03.2018, la Corte di Cassazione afferma che il superamento del limite di finanziabilità nei contratti di mutuo determina la nullità del contratto.

Scarica la sentenza e leggi la nota di commento del dr. Vecchi

L’errata indicazione del TAEG determina la nullità della clausola interessi

Con sentenza n.156 del 13.02.2018 il Tribunale di Trapani afferma il principio secondo cui l’errata indicazione del TAEG/ISC determina la nullità della clausola interessi.

Scarica la sentenza e leggi la nota di commento del dr. Vecchi

Contenzioso bancario: il Tribunale di Napoli fa scuola

Mediante la sentenza n.1467 del 9 febbraio 2018, il Tribunale di Napoli ha statuito importanti principi su varie questioni aventi ad oggetto rapporti bancari di conto corrente.

Scarica la sentenza e leggi la nota di commento del dr. Vecchi

Contenzioso bancario: il Tribunale di Napoli fa scuola

Con sentenza n.1467 del 9 febbraio 2018, il Tribunale di Napoli ha statuito importanti principi su varie questioni in tema di contenzioso bancario.

Scarica la sentenza e leggi la nota di commento del dr. Vecchi

Banche, validi i contratti “monofirma”. Nulli se non consegnati al cliente

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con la sentenza n.898 del 16 gennaio 2018, si sono pronunciate sulla questione  concernente i cosiddetti contratti “monofirma”

Scarica la sentenza e leggi la nota di commento del dr. Vecchi

Il fideiussore può eccepire l'invalida capitalizzazione degli interessi

La Corte chiarisce che anche il garante è in ogni caso legittimato ad eccepire alla banca l’invalidità della capitalizzazione degli interessi sino al 22.04.2000.

Scarica la sentenza e leggi la nota di commento del dr. Vecchi

STUDIO VECCHI

STUDIO VECCHI